• 1
  • 2
  • 3

Una donazione per l'Orto dei Tu'rat

Chi siamo Siamo

un’associazione culturale nata in Salento nel 2008, precisamente nel comune di Ugento (Le). Il nostro progetto è ambizioso ed unico in Europa; ispirandosi ai sistemi di raccolta idrica, diffusi nelle zone aride del Medio Oriente, si pone l’obiettivo di contrastare l’avanzamento di fenomeni erosivi e di desertificazione del territorio, sempre più critici in questa terra.

Com’è fatto il progetto

Dal 2008, all’interno di un appezzamento di circa 17 mila mq, abbiamo intrapreso la costruzione di grandi strutture in pietra a secco, appunto i tu’rat o mezze lune fertili, di dimensioni variabili e orientate in determinati assi, capaci di captare i venti e arie umide provenienti dal mar Ionio. Questo meccanismo permette la condensazione di aria trasformandola in acqua, utile ad “irrigare” il suolo e nutrire alberi e piante, piantumate a ridosso delle strutture.

Il progetto di largo respiro si propone di promuovere la sensibilizzazione verso tematiche di sostenibilità ambientale. Lo sfruttamento sempre più intensivo del terreno agricolo sta provocando un utilizzo indiscriminato della risorsa acqua, per questo motivo le falde acquifere si stanno irrimediabilmente abbassando provocando una contaminazione con acqua marina. Il sito è di una bellezza visionaria, queste grandi mezze lune sembrano sorgere dal nulla, sono astronavi, sono braccia materne, sorrisi piantati nella terra, parentesi. Chi le vede se ne innamora, entra nella suggestione di un posto a volte arcaico altre futuristico e lo sbalzo temporale di sensazione riesce a straniare, a catturare. Il luogo si presta a fare da sfondo ad eventi culturali (reading di letture e poesia, teatro e danza, musica e immagini), che fungano da volano per la sensibilizzazione di questi temi.

Perché chiediamo aiuto

Per realizzare tutto questo abbiamo bisogno di strutture di completamento per rendere il luogo fruibile al 100%, come un impianto di fitodepurazione, la piantumazione di altri alberi, affinché il parco possa diventare anche un orto didattico per scuole e ragazzi. Dobbiamo ridare forza al progetto che ha subito ben quattro incendi distruggendo due gazebi, un palco e parte dei cavi elettrici e idraulici. Questo progetto, unico in Europa, sa di visionario ma funziona, abbiamo visto che funziona, le piante crescono e non occorre attingere acqua dal sottosuolo. Premiato da Lega ambiente come “Innovazione Intelligente”, citato in diverse università persino in Cina e in Buenos Aires , è deprimente vedere l’assenza delle istituzioni che hanno soltanto battuto le mani ma non hanno mai dato un aiuto concreto. Se vogliamo che questo progetto continui a dimostrare un’altra via, una possibilità di salvezza dalla desertificazione sempre più incalzante, dobbiamo affidarci alla gente comune che comprende lo spirito dell’associazione e la sostiene economicamente. Vi chiediamo quindi un aiuto, un piccolo contributo anche a partire da soli 5 euro perché questa “utopia concreta”, come è stata definita da alcuni, possa continuare a vivere.

Come effettuare la donazione

  1. Vai sul sito www.ortodeiturat.it e clicca su “donazione” in alto a destra e poi segui le indicazioni
  2. oppure effettua un bonifico sul conto Banca Etica iban: IT67J0501802400000000145958 intestato a L’Orto dei Tu’Rat Crediamo che un’utopia, un sogno, se sostenuti, possano diventare realtà! Aiutaci a farlo!

Condividi questo articolo

PLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMITPLG_ITPSOCIALBUTTONS_SUBMIT
Orto dei Tu'rat Via Marco Polo 67, 73055 – (TORRE SUDA) RACALE (LE)
Cell (+39) 3282260629 – e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
C.F.: SPCCSM61P05H147O P.IVA: 02865991208

TERMINI & CONDIZIONI - PRIVACY POLICY - INFORMATIVA COOKIE

Puglia EventsEPPELA: le mezzelune fertili che spremono acqua dalla pietra

Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL
in collaborazione con Salento Open Source